Settanta: ritratto fotografico di una decade
Advertisement

Settanta: ritratto fotografico di una decade: mostra di Nino Migliori

Dal 18 giugno al 21 settembre 2024 presso la M77 Gallery di Milano (via Mecenate 77) è aperta al pubblico la mostra Settanta: ritratto fotografico di una decade, progetto espositivo monografico dedicato all’eterogenea produzione fotografica degli anni ’70 del fotografo bolognese Nino Migliori.

Settanta non solo evoca la decade in cui tutte le opere sono state realizzate, ma rende anche omaggio agli oltre settant’anni di straordinaria produzione artistica di Nino Migliori. Il progetto espositivo offre uno sguardo approfondito sul periodo che ha visto l’artista immerso in riflessioni fondamentali sulla fotografia come mezzo espressivo.

Ponendo l’accento sulla sua natura profondamente sperimentale, l’esposizione offre una panoramica trasversale della vasta produzione di uno dei maestri più influenti della fotografia europea del XX secolo, presentando decine di scatti, molti dei quali vintage inediti.

Advertisement

Le opere fotografiche in mostra, seppur molto diverse tra loro per soggetto e tematica, rimangono profondamente coese in una visione artistica più ampia.

Il percorso espositivo si apre con suggestive riflessioni sulla Natura (Herbarium) e sulla vita urbana (Muri, Manifesti Strappati), temi che, attraverso l’occhio sensibile di Migliori, diventano potenti testimoni della mutevolezza del tempo e della transitorietà dell’esperienza umana.

Si prosegue con una riflessione sulla materia fotografica stessa – elemento fondante della produzione di Migliori fin dagli esordi negli anni ’40 – che viene esplorata attraverso studi sulla luce (Lucigrafie, Polarigrammi) e attraverso esperimenti sulla percezione e la materialità, spesso interpretate come tracce del cambiamento sociale (Natura Morta, Sesso Kitsch, Sequenze Tv).

Infine, il percorso espositivo si conclude con opere caratterizzate da un approccio più espressamente e formalmente concettuale (In immagin abile, Segnificazione) e, a tratti, performativo (SuPerDaCon).

Ingresso gratuito.

Advertisement