A casa di Alda

A casa di Alda

Lunedì 24 ottobre è stata inaugurata la mostra “A casa di Alda“, un progetto, un work in progress artistico e museale di amore e passione dedicato ad Alda Merini.

Il progetto è nato da un’idea, un invito rivolto da Donatella Massimilla a Margherita Palli, scenografa e Course Advisor Leader di NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, a visitare la Casa delle arti Spazio Alda Merini, l’ex-tabaccheria di via Magolfa 30 che ospita da quasi dieci anni la sua stanza da letto, frammenti del famoso Muro degli Angeli, dove la Poetessa scriveva con il suo rossetto rosso i numeri di telefono e i suoi amici lasciavano disegni e frasi.

L’obiettivo della mostra è ridare voce al suo originale pianoforte, far sentire realmente le sue poesie dettate al telefono, annusare le rose rosse da lei amate, immaginare l’odore delle sue amate sigarette vedendole distribuite numerose, con i suoi accendini colorati, sul pavimento. Creare una proposta immersiva diversa per i visitatori che, soprattutto da un anno a questa parte, si sono moltiplicati.

>

La mostra è aperta al pubblico a ingresso gratuito fino a giovedì 22 dicembre in orario 16.00-19.00 (lunedì giorno di chiusura).