io apro protesta ristoranti bar

La prima regola che cambierà, tra le più attese, sarà quella relativa al coprifuoco, che verrà revocato. Con l’istituzione della zona bianca in Lombardia i cittadini potranno restare fuori tutta la notte senza obbligo di orario. Gli spostamenti, quindi, saranno concessi a tutte le ore del giorno e della notte senza la necessità di giustificarli alle autorità con l’autocertificazione.

L’ordinanza di Speranza

Il provvedimento, deciso dal ministro della Salute Roberto Speranza attraverso un’ordinanza firmata l’11 giugno, riguarda più della metà degli italiani.“Da lunedì oltre 40 milioni di italiani saranno in ‘zona bianca’. L’Italia ha attualmente uno dei migliori dati europei sull’incidenza. E’ un risultato incoraggiante che ci consente di guardare avanti con più fiducia. Dobbiamo insistere su questa strada con prudenza e gradualità. Oggi più che mai occorre conservare le corrette abitudini per non vanificare i tanti sacrifici fatti”, commenta il ministro della Salute Roberto Speranza.

 

>

Cosa cambia per i bar

Anche i bar beneficeranno del passaggio in zona bianca. I locali potranno restare aperti senza vincoli di orario e potranno servire i loro prodotti sia al bancone che ai posti a sedere, interni ed esterni. Per quanto riguarda i tavoli al chiuso, potranno avere fino ad un massimo di sei commensali, mentre non vi sarà limite per quelli apparecchiati all’esterno.

Le regole per i ristoranti

A loro volta, anche i ristoranti potranno restare aperti senza limiti di orari. Con la zona bianca resteranno in vigore solo le regole base, relative al distanziamento e all’uso della mascherina, che resta obbligatorio quando ci si alza dal tavolo e ci si reca in bagno o a pagare, ad esempio. Al chiuso potranno sedersi allo stesso tavolo sei persone, all’aperto non ci saranno limiti.

Negozi e centri commerciali aperti anche nei festivi

I negozi, sia su strada che nei centri commerciali, resteranno aperti anche nei giorni pre festivi, festivi e, dunque, anche nei fine settimana. Le regole da seguire saranno quelle relative al distanziamento e all’obbligo di utilizzo della mascherina.

Le regole per palestre e piscine in zona bianca

Con la zona bianca, in Lombardia sono consentite tutte le attività sportive sia all’aperto che al chiuso. Si potrà tornare ad usare poi le docce degli impianti.

Spiagge aperte con accesso libero

Cambiano le regole anche per le spiagge, compresi gli stabilimenti balneari dei laghi. I cittadini potranno tornare a viverle senza il vincolo dell’accesso contingentato.

Discoteche aperte senza poter ballare

Nulla da fare, almeno per il momento, per le discoteche intese unicamente come sale da ballo. Potranno al contrario riaprire i locali che oltre alla musica (live o registrata) offrono anche spazio a sedere e abbiano la licenza per vendere bevande alcoliche e/o cibo.

Le regole per matrimoni e ricevimenti

In zona bianca sarà possibile tornare a sposarsi con la presenza di parenti e amici, a patto che gli invitati dispongano del green pass che attesti l’avvenuta vaccinazione, guarigione o negatività al virus. Stesse regole anche per i battesimi, le comunioni e le cresime. Per quanto riguarda i ricevimenti, ci si potrà ritrovare per continuare i festeggiamenti solo in presenza di personale che possa servire le pietanze agli ospiti.

Cinema, teatri e concerti

Resteranno, infine, aperti i cinema e i teatri, ai quali i cittadini potranno accedere solo indossando la mascherina e tenendola tutto il tempo. Stesse regole anche per i concerti, per cui occorrerà restare seduti al proprio posto con il dpi vestito su naso e bocca.